IL LAMPEGGIANTE

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • UE - Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni con fini statistici. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo. In mancanza di accettazione alcune funzioni potrebbero non funzionare correttamente.

    Visualizza Privacy Policy e Note Legali

 

Lettere.....

E-mail Stampa PDF

Ecco la lettera della moglie d'un poliziotto a "L'Avvenire" e la risposta del Direttore. In Italia c'è anche chi ragiona, per fortuna.  

La moglie di un uomo in divisa: «Ma a Piacenza c'ero anch'io»


Marco Tarquinio

sabato 17 febbraio 2018

Caro direttore,
a Piacenza sabato 10 febbraio c’ero anch’io, e con me tutte le madri, le mogli, le fidanzate e i figli che con amore, ma soprattutto con dedizione, forza e coraggio riescono a stare al fianco di un uomo che indossa una divisa. Io c’ero e con me c’erano tutte quelle donne che, loro malgrado, sono state costrette ad accettare un lavoro che non hanno scelto e che spesso le condiziona. Io sono una di loro: sono la moglie di un poliziotto. Sono una di quelle donne che hanno imparato a dividere il proprio compagno con la Polizia di Stato; sono una di quelle donne che hanno dovuto comprendere, loro malgrado, cosa significhi vivere in balia di turni e di esigenze di servizio. E non solo. Credo che soltanto chi vive certe situazioni, possa poi capirle in pieno. Solo noi sappiamo cosa voglia dire salutare quasi ogni giorno un pezzo della propria famiglia, augurandosi che torni indenne e vivo dal servizio che gli è stato assegnato. Solo noi sappiamo cosa significhi, a volte, sentirsi messe in secondo piano rispetto a una professione che richiede abnegazione e sacrificio. Sabato, mio marito era in servizio a Piacenza e con la sua squadra ha affrontato, con coraggio e sangue freddo, gli stessi manifestanti che da lì a poco hanno assalito e malmenato un Carabiniere. In questi giorni, mi sono chiesta spesso cosa sarebbe successo se mio marito non fosse così innamorato del suo lavoro, se non si fidasse dei suoi ragazzi così profondamente da considerarli pezzi leali della nostra famiglia, ma soprattutto se non fosse così pacato nelle sue reazioni.
Ho guardato le immagini che ritraevano una decina di uomini pronti a fermare un intero corteo; una decina di uomini uniti, compatti ma soprattutto decisi a portare a termine quello che era stato detto loro di fare; una decina di uomini chiamati a indossare un casco e a portare un manganello a tutela della sicurezza di tutti e della propria incolumità preparati ad affrontare quattrocento manifestanti, tutt’altro che pacifici, armati di bastoni e di lacrimogeni e con il volto coperto. Mi sono chiesta perché le Istituzioni intervengano solo davanti a un uomo ferito o addirittura morto, perché sui giornali e alla tv si parli solo degli errori delle Forze dell’ordine e non si elogino mai uomini che, nonostante tutto e tutti, dimostrano di sapere fare il proprio lavoro senza eccedere. Numerose sono state le testimonianze di stima e di affetto che, in questi giorni, hanno circondato la mia famiglia, testimonianze che hanno reso me e mia figlia orgogliose di essere parte della Polizia di Stato. Credo però che qualcosa dovrebbe essere detto e fatto, a dimostrazione che un buon addestramento e soprattutto il saper “fare squadra” possa fare molto in situazioni come quelle che ultimamente si ripropongono a ogni manifestazione. Mi scuso per lo sfogo, direttore, e anche di chiederle di coprire con discrezione il mio nome. Ma non sono solo la moglie di un poliziotto, sono anche la mamma di una giovane adolescente a cui vorrei trasmettere serenità tanto quanto l’importanza dei valori per cui ogni giorno suo padre si trova a combattere in questa nostra Italia...
lettera firmata


Anche dopo tanti anni di mestiere, mi emoziona poter ascoltare, dando loro eco, le “voci di dentro” che si levano un po’ discoste e apparentemente flebili dalla grande cronaca che abita le pagine dei giornali eppure aiutano a comprendere a fondo fatti e situazioni. Anche stavolta è così. E sono specialmente grato alla signora che ha scritto questa lettera così appassionata e vera, così piena di dignità e così illuminante perché sa dire, con naturalezza e dolente garbo, del senso del dovere e del limite di chi serve la sicurezza dello Stato, cioè la sicurezza di tutti noi, e della speciale condizione dei familiari di questi concittadini in divisa: poliziotti, carabinieri, finanzieri... Nulla di nuovo? Lo so, anzi lo spero. Ma so anche che nel nostro tempo di troppe smemoratezze questo delicato eppure vibrante promemoria non è affatto inutile. Rileggetele lentamente quelle parole, e immaginate la voce di donna che le pronuncia e, a tratti, le scandisce: vi emozionerete anche voi, e non potrete fermarvi a riflessioni superficiali.
Il diritto di manifestare pensiero e opinioni, di dare voce e corpo a un sentimento politico e anche a un civile dissenso è uno dei princìpi cardine di ogni vera democrazia. Indiscutibile. E tanto più prezioso mentre continuiamo a vederlo messo in discussione e letteralmente mortificato in molte parti del mondo e pure in Paesi molto vicini al nostro (vicini per storia e geografia o vicini per le amare vicende di coloro che hanno dovuto fuggire dalla propria terra e in Italia hanno trovato rifugio e asilo). Ma non si può dimenticare che a difesa di questa libertà e del suo autentico e corretto esercizio c’è un presidio costituito non solo dalla civiltà dei comportamenti frutto di educazione e dell’interiorizzazione del rispetto per gli altri, ma anche dagli uomini e dalle donne delle Forze dell’ordine. Forze di un “ordine” che in una democrazia come la nostra – e la nostra, pur con tutti i suoi difetti, è una salda democrazia – non è mai autoreferenziale e irresponsabile. Un ordine pubblico che va mantenuto e migliorato (non venerato come un feticcio) perché ci riguarda direttamente ed è realizzazione di quella buona “misura” – definita dalla legge, e perciò perfettibile – che riconosce, accoglie, associa e contiene le individualità, le differenze, le relazioni che danno senso, bellezza e fecondità alle nostre vite. Questi sono i valori che è chiamato a rispettare e far rispettare chi veste quelle divise, oggi, nella nostra Italia. Questi sono i valori che ognuno di noi è chiamato a rispettare anche in chi veste quelle divise. Chi non sa rispettare i nostri concittadini in divisa che, secondo le parole della Costituzione, servono la Repubblica e la libertà di tutti «con disciplina e onore» non difende alcun valore o principio: li umilia.

 

Cose che NON vorremmo leggere

E-mail Stampa PDF

Uno "spaccato" di realtà; Italia anno Domini 2018; ecco cosa ci tocca leggere sui social..... 


Per curare il ladro lo stato ha speso 100mila euro, per Francesco, morto in servizio ancora nessuna giustizia

 

 

 

 

 

Condividi 

 

Due giorni fa abbiamo pubblicato la notizia dell’opposizione all’archiviazione sul caso pischedda.

“Vogliamo la verità sulla morte dell’agente Francesco Pischedda”. Con queste parole l’avvocato Vittorio Delogu si è opposto all’archiviazione dell’inchiesta sul decesso del poliziotto di Dubino avvenuta il 4 febbraio di un anno fa.

La questione è legata a quelle 5 ore e 40 in cui Francesco Pischedda dopo la caduta dal cavalcavia mentre inseguiva un malvivente, è rimasto prima a terra, poi trasportato all’ospedale di Gravedona ed Uniti, infine al Manzoni di Lecco dove è arrivato ormai esamine.

La Procura avrebbe concluso per l’assenza di responsabilità per il decesso del giovane agente “perché non ci sarebbe un nesso causale tra i presunti ritardi e l’evento morte”.

I consulenti scelti dalle parti civili sono di tutt’altro indirizzo. “È stato accertato che Francesco – aggiunge l’avvocato Delogu – è rimasto per due ore sull’asfalto mentre per l’altro ferito si è intervenuti subito”. Il Gip dovrà deciderà sull’archiviazione.

Nel frattempo, ricordiamo i pregressi di questa terribile vicenda. E ricordiamo, soprattutto, quanto lo Stato, oltre ad una giovane vita spezzata, abbia già perso in tutta questa vicenda

*Articolo del 18 Maggio 2017 tratto da Il Giorno

Ladro ferito nell’inseguimento nel quale è morto il poliziotto Pischedda: già spesi 105mila euro per curarlo

Per salvargli la vita, curarlo e assisterlo sono stati spesi almeno 105mila euro. Solo per i due mesi di ricovero in ospedale a Lecco si stima sia stato sostenuto un costo di 75mila euro per Florea Veaceslav,

il moldavo 25enne a causa del quale è morto ad appena 28 anni l’agente scelto della Polizia stradale di Bellano Francesco Pischedda, precipitato da un cavalcavia della Statale 36 a Colico per cercare di fermare lo straniero,

intercettato al volante di un furgone rubato. «Generalmente, in base al sistema di classificazione dei pazienti come lui, si stima una spesa che varia dai 25mila ai 75mila euro – spiega Gedeone Baraldo, direttore medico dell’Alessandro Manzoni -. La differenza dipende dal tipo di reparto in cui è stato collocato, dalle prestazioni erogate e da altri parametri»

Nel suo caso specifico è stato a lungo in Rianimazione, è stato sottoposto a due interventi chirurgici, tra cui uno vascolare, per molte settimane è rimasto in coma ed è stato necessario utilizzare sofisticati macchinari clinici per scongiurare il peggio. Le tariffe applicate sono quindi quelle massime

. Durante il ricovero inoltre è stato piantonato 24 ore su 24, perché su di lui pendono due mandati di cattura europei emessi dai giudici austriaci e svizzeri per furti e rapine. Inizialmente a sorvegliarlo ci hanno pensato i poliziotti di Polstrada e Questura, uno per ognuno dei quattro turni da 6 ore,

poi i colleghi della Polizia penitenziaria, due per ogni turno. Senza calcolare straordinari, indennità, festività, gradi superiori e altre maggiorazioni, unicamente per gli stipendi base dei dieci agenti impegnati a rotazione la cifra sborsata si aggira sui 30mila euro.

«Non dimentichiamo nemmeno che per svolgere il servizio di piantonamento sono stati sguarniti i presidi di sicurezza sul territorio – commenta Angelo Urso, segretario generale della Uilpa, il sindacato dei poliziotti penitenziari -.

In generale nessun detenuto paga le cure mediche né contribuisce a coprire i costi della detenzione. Per i detenuti cittadini di Stati non europei, come la Moldavia, inoltre non sussiste la possibilità di chiedere rimborsi,

il costo resta completamente a carico dei contribuenti italiani. Se sussistono accordi bilaterali potrebbero essere recuperati, ma nessuno accetta, perché in Italia rispetto ai Paesi dell’Est le condizioni dei carcerati sono ovviamente migliori, specie se sussistono problemi di salute».

Ma il conto per assicurare la completa guarigione del giovane moldavo è ancora aperto: da inizio aprile si trova infatti nel reparto di Riabilitazione dell’ala sanitaria del carcere di Busto Arsizio.

Ultimo aggiornamento Lunedì 19 Febbraio 2018 09:58
 


Pagina 3 di 56

Contatore visite

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi64
mod_vvisit_counterIeri17
mod_vvisit_counterQuesta settimana64
mod_vvisit_counterSettimana scorsa827
mod_vvisit_counterQuesto mese1651
mod_vvisit_counterMese scorso4997
mod_vvisit_counterTotale365478

Ci sono: 39 guests online
Il Tuo IP: 23.20.7.34
 , 
Oggi: 20 Mag, 2018

Ultimi commenti

EVENTI in atto