IL LAMPEGGIANTE

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • UE - Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni con fini statistici. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo. In mancanza di accettazione alcune funzioni potrebbero non funzionare correttamente.

    Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Attenzione; certe idee non sono morte del tutto.

E-mail Stampa PDF

 

Riprendiamo queste considerazioni di un sindaclaista di Polizia. Meditate, gente, meditate.

 

 

“Non sottovalutare certi segnali, vari e diversi, che si ripetono e si accompagnano ad una diffusa violenza dello scontro politico. Il clima non è buono” 

“Viviamo un momento storico in cui la violenza dello scontro politico si accompagna a manifestazioni varie e diffuse di aggressione e violazione delle regole, legali, civili, e di comune senso del rispetto    e dell’equilibrio. Il nuovo oltraggio che, arrecato al monumento dei caduti in via Fani, è rivolto   nel suo significato a figure politiche e istituzionali, comprese le nostre Vittime in divisa, è l’ennesimo grave episodio che interviene in un clima reso a tratti irrespirabile da chiari rigurgiti eversivi che,   con troppo agio, vengono tradotti in gesti violenti, verbali o fisici, nelle strade, nelle manifestazioni    di piazza, ai tavoli di certi convegni o presentazioni di libri, e persino sui media dove non di rado trova spazio chi pensa di poter rendere spiegabile, o peggio condivisibile, l’aggressione di Vittime   che hanno avuto la sola colpa di incarnare il rispetto delle Istituzioni democratiche. Oggi da noi parte l’ennesimo allarme a non sottovalutare tutto questo”.   Così Domenico Pianese, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia,   nel giorno in cui, è stato nuovamente imbrattato il monumento che ricorda le vittime dell’agguato avvenuto in via Fani, quando fu rapito dalle brigate rosse il presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro. Sulla stele, che ricorda i nomi dei cinque uomini della scorta uccisi - Oreste Leonardi, Domenico Ricci, Raffaele Iozzino, Giulio Rivera e Francesco Zizzi -, è stata dipinta la sigla BR   di colore rosso. Già un mese fa la targa era stata imbrattata e poi ripulita. Sulla base era stato scritto “Morte alle guardie” ed erano state disegnate due svastiche ai lati con spray nero.   La scritta fu poi rimossa prima dell’anniversario della strage, quando il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inaugurato il monumento.  “Condividiamo pienamente - aggiunge Pianese - quanto affermato nei giorni scorsi da Lorenzo Biagi, figlio del giuslavorista Marco Biagi, ucciso dalle Nuove Brigate Rosse, e rilanciamo in chiave   più generale il suo appello a non sottovalutare il pericolo, strisciante ma serio, che può annidarsi   in certi contesti di odio profondissimo verso lo Stato e chi lo rappresenta”.

 

Contatore visite

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi65
mod_vvisit_counterIeri129
mod_vvisit_counterQuesta settimana866
mod_vvisit_counterSettimana scorsa1524
mod_vvisit_counterQuesto mese3184
mod_vvisit_counterMese scorso3740
mod_vvisit_counterTotale362014

Ci sono: 6 guests online
Il Tuo IP: 54.144.14.134
 , 
Oggi: 21 Apr, 2018

Ultimi commenti

EVENTI in atto